Sul potere della collaborazione e delle reti


Il 18 gennaio 2013 ho partecipato a Bologna al primo raduno di SpaghettiOpenData, una comunità informale e non strutturata di hacker civici, animata da Alberto Cottica (anche autore di Wikicrazia, un libro che chiunque si interessi di politica e democrazia dovrebbe leggere). A scanso di equivoci, preciso che non sono una hacker (pur sentendomi molto “civica”) e comunque non è questo l’argomento di cui voglio parlare (non divaghiamo).

Durante l’incontro, molto libero e articolato, alcuni partecipanti propongono di creare twitantonio, una applicazione che raccolga tutti gli account twitter dei candidati alle Elezioni politiche 2013. L’idea è di dare ai cittadini uno strumento che consenta loro di comunicare con facilità con i candidati e, soprattutto, di farlo in modo pubblico (e quindi mettendo a sistema la forza di pressione della rete).

Il progetto si ispira a un’altra iniziativa analoga sui parlamentari europei (TweetYourMEP) sempre organizzata da Spaghetti Open Data.

TYMEP

Finito l’incontro, ognuno parte per la sua strada, ma il progetto va avanti.

I (tanti) partecipanti si coordinano a distanza e dieci giorni dopo, il 28 gennaio, il progetto è on line, con le foto, gli indirizzi e i dati di 1217 candidati su 3590. Inoltre, nei profili di molti candidati viene segnalata anche l’adesione  a Riparte il futuro di Libera, un’altra iniziativa di pressione civica contro la corruzione, nata dalla rete.

twitantonio

Ora, vedo che a elezioni concluse twitantonio si appresta a fare lo “switch” dai candidati agli eletti.

Onorevole o Cittadino, il nostro twitantonio si prepara a entrare in Parlamento. E a dialogare a colpi di 140 caratteri con tutti noi. Non male vero?

Annunci